Cimitero flaminio – prima porta

cimitero flaminio prima porta

Il cimitero Flaminio (noto anche come cimitero di Prima Porta, perché si estende vicino all’omonimo quartiere di Roma) con i suoi 140 ettari è il cimitero più grande d’Italia; percorso da 37 km di strade interne.

Dove si trova il cimitero Flaminio?

Il cimitero di prima porta si trova poco fuori al GRA sulla via Flaminia al km 14,400 vicino al quartiere di Prima Porta, tra la via Flaminia e la via Tiberina.

Orari di apertura

  • Dall’1 ottobre al 31 marzo, dalle 7:30 alle 18:00
  • Dall’1 aprile al 30 settembre, dalle ore 7:30 alle ore 19:00

E’ consentito l’accesso al cimitero fino ad un’ora prima della chiusura.

Cenni storici cimitero Flaminio

Il cimitero flaminio è stato consacrato nel 1941 su un progetto dell’architetto Elena Luzzatto, ed è considerato un capolavoro di architettura cimiteriale contemporanea.
Al suo interno possiamo trovare vari reparti dalle diverse confessioni religiose (cattolica, evangelica, ebraica e islamica)con le rispettive chiese e templi(la chiesa cattolica dedicata a San Michele Arcangelo, il tempio israelitico e la cappella polacca).
Di ultima creazione il “giardino dei ricordi” un luogo pensato per offrire il raccoglimento adeguato al rito della dispersione delle ceneri dei propri cari.

All’interno troviamo:

  • l’area archeologica della Villa romana del 25 a.C. circa
  • il Cimitero di Montebello già luogo di sepoltura dal 1888
  • il Monumento ai partigiani Jugoslavi inaugurato il 22 settembre 1978.

Personaggi famosi sepolti al Cimitero di Prima Porta

Qui si possono trovare tombe di personaggi famosi come Enrico Berlinguer, Renato Carosone, Elena Fabrizi (sora lella), Amintore Fanfani, Gigi Sabani.
personaggi famosi sepolti

Il cimitero di Prima Porta oggi

Con il passare degli anni il cimitero flaminio ha raggiunto uno stato avanzato di degrato interno con edifici pericolanti e strutturalmente carenti. Le pulizie degli edifici sono scarse e spesso ci si imbatte in pezzi di intonaco e di marmi in terra. Sono continui anche gli episodi di furto dai manufatti e di traffici illegali.